Diaframmi plastici

E’ una barriera fisica utilizzata per interventi di cinturazione in siti di interesse ambientale oppure per trincea atte alla riduzione della permeabilità di corpi di terreno. L’applicazione geotecnica del diaframma plastico è basata sulla necessità di limitare o ridurre il flusso idrico in funzione delle richieste proguali.

La sua realizzazione prevede lo scavo di una trincea continua, mediante sostegno delle pareti, con una miscela di acqua e cemento e bentonite. La miscela di sostegno è lasciata indurire nello scavo per effetto della idratazione del cemento a formare una massa di bassa permeabilità. Gli spessori della barriera risultano dell’ordine di 0,5-1,2 m, con coefficienti di permeabilità non inferiori a 10-5-10-6 cm/sec.

Le massime profondità raggiungibili risultano pari a circa 30-40 m, utilizzando normali attrezzature di scavo. Utilizzando speciali sistemi di fresa si possono raggiungere profondità di 150 m.

Utilizzando cementi speciali con particolari additivi si ottengono permeabilità dell’ordine di 10-8 cm/s.
Essendo la miscela impermeabile a consistenza semi-rigida, il diaframma cemento-bentonite può essere realizzato anche in aree a forte pendenza, laddove la costruzione della barriera terreno-bentonite risulta non prevedibile a causa della maggiore fluidità della miscela di sostegno.

Altra applicazione dei diaframmi plastici utilizzati per la bonifica prevedono la realizzazione dello scavo verticale di profondità in funzione delle proprietà geologiche del terreno con miscela plastica e successivamente inserimento di pannello in HDPE con giunti ad incastro che si saturano nella miscela plastica. Dopo l’inserimento del telo con apposito telaio, quest’ultimo viene sganciato ed il telo sostenuto fino alla presa con cavalletti.

Il Gruppo VIPP ha acquisito esperienza e capacità con la realizzazioni di importanti progetti nell’ambito di trincee in siti industriali,discariche, aree contaminate, aree golenali, a ridosso di litorali e coste e per l’esecuzione di barriere verticali di tamponamento del flusso acquifero sotterraneo.